GENITORI SI DIVENTA, ISCRIZIONI ENTRO MERCOLEDÌ 12
PROMUOVERE PREVENZIONE PRE E POST GRAVIDANZA
OTTAVA EDIZIONE: AL VIA SABATO 15 MAGGIO

COSENZA – lunedì 10 maggio 2021 – Gravidanza, riconoscere e distinguere i sintomi del cosiddetto Baby Blues, fenomeno che si dissolve in pochi giorni e che si accompagna a tristezza e pianto immotivati, umore instabile, disturbi del sonno e difficoltà a concentrarsi; dalla depressione post-partum, condizione più complessa da sottoporre all’attenzione del medico e da trattare in modo specifico. Rientra tra gli obiettivi di Genitori si diventa, il percorso multidisciplinare di accompagnamento alla nascita e alla genitorialità promosso dall’equipe di professionisti de iGreco Ospedali Riuniti che conferma il suo impegno: promuovere prevenzione primaria per tutti gli aspetti patologici del prima e dopo gravidanza.
È quanto fanno sapere Maria Cecilia Gioia, psicologa esperta in perinatalità e psicoterapeuta e l’ostetrica Carla Zupo, tra le professionalità in forze al reparto di ostetricia e ginecologia della sede operativa Sacro Cuore iGreco Ospedali Riuniti, informando che la nuova edizione, l’ottava, prenderà il via sabato 15 maggio.
Il senso di solitudine – sottolineano – dovuto alle limitazioni del momento è avvertito un po’ da tutti i genitori in attesa. Dare loro la possibilità di ritrovarsi in quello spazio per poter condividere delle esperienze e stabilire anche delle relazioni, seppur virtuali, è molto importante. Confrontarsi su preoccupazioni e paure aiuta a riscoprirsi simili. Il gruppo può aiutare anche a normalizzare dei pensieri che possono sembrare spaventanti ed unici per ogni coppia genitoriale ma che poi dal confronto con altri genitori si normalizzano e diventano, quindi, anche più accettabili.
Le iscrizioni a Genitori si diventa scadono mercoledì 12. Per partecipare occorre scrivere a percorsodiaccompagnamento@igrecospedali.it. Una volta inviata la mail di prenotazione le partecipanti riceveranno il modello di autorizzazione al consenso dei dati personali, da compilare e restituire firmato con le indicazioni sul pagamento.
I temi saranno affrontati con l’equipe formata da psicologi, infermiere ed ostetriche, nel percorso incentrato su dialogo, confronto ed ascolto, nel corso degli appuntamenti che avranno una durata di circa due ore e che si terranno sulla piattaforma online Zoom. Ecco, quali sono: Quando le mamme si ascoltano (psicologa psicoterapeuta); perineo e respiro (ostetrica); movimento e rilassamento (ostetrica), diventare papà: questione di pancia? (psicologa-psicoterapeuta; genitori in contatto (ostetrica e Infermiera Pediatrica); il triangolo si.. l’avevamo considerato?! (psicologa psicoterapeuta), travaglio: come affrontarlo (ostetrica). – (Fonte iGreco Ospedali Riuniti – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying)

 

GRAVIDANZA, RICONOSCERE DEPRESSIONE POST-PARTUM
PREVENZIONE, CONTINUA IMPEGNO iGreco OSPEDALI RIUNITI
GENITORI SI DIVENTA,NUOVA EDIZIONE DA SABATO 15

COSENZA – lunedì 3 maggio 2021 – Gravidanza, riconoscere e distinguere i sintomi del cosiddetto Baby Blues, fenomeno che si dissolve in pochi giorni e che si accompagna a tristezza e pianto immotivati, umore instabile, disturbi del sonno e difficoltà a concentrarsi; dalla depressione post-partum, condizione più complessa da sottoporre all’attenzione del medico e da trattare in modo specifico. Rientra tra gli obiettivi di Genitori si diventa, il percorso multidisciplinare di accompagnamento alla nascita e alla genitorialità promosso dall’equipe di professionisti de iGreco Ospedali Riuniti che conferma il suo impegno: promuovere prevenzione primaria per tutti gli aspetti patologici del prima e dopo gravidanza.
È quanto fanno sapere Maria Cecilia Gioia, psicologa esperta in perinatalità e psicoterapeuta e l’ostetrica Carla Zupo, tra le professionalità in forze al reparto di ostetricia e ginecologia della sede operativa Sacro Cuore iGreco Ospedali Riuniti, informando che la nuova edizione, l’ottava, prenderà il via sabato 15 maggio.
Il senso di solitudine – sottolineano – dovuto alle limitazioni del momento è avvertito un po’ da tutti i genitori in attesa. Dare loro la possibilità di ritrovarsi in quello spazio per poter condividere delle esperienze e stabilire anche delle relazioni, seppur virtuali, è molto importante. Confrontarsi su preoccupazioni e paure aiuta a riscoprirsi simili. Il gruppo può aiutare anche a normalizzare dei pensieri che possono sembrare spaventanti ed unici per ogni coppia genitoriale ma che poi dal confronto con altri genitori si normalizzano e diventano, quindi, anche più accettabili.
Le iscrizioni a Genitori si diventa scadono mercoledì 12. Per partecipare occorre scrivere a percorsodiaccompagnamento@igrecospedali.it. Una volta inviata la mail di prenotazione le partecipanti riceveranno il modello di autorizzazione al consenso dei dati personali, da compilare e restituire firmato con le indicazioni sul pagamento.
I temi saranno affrontati con l’equipe formata da psicologi, infermiere ed ostetriche, nel percorso incentrato su dialogo, confronto ed ascolto, nel corso degli appuntamenti che avranno una durata di circa due ore e che si terranno sulla piattaforma online Zoom. Ecco, quali sono: Quando le mamme si ascoltano (psicologa psicoterapeuta); perineo e respiro (ostetrica); movimento e rilassamento (ostetrica), diventare papà: questione di pancia? (psicologa-psicoterapeuta; genitori in contatto (ostetrica e Infermiera Pediatrica); il triangolo si.. l’avevamo considerato?! (psicologa psicoterapeuta), travaglio: come affrontarlo (ostetrica). – (Fonte iGreco Ospedali Riuniti – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying)

 

PATOLOGIE CUORE, COVID NON DISTRAGGA DA PREVENZIONE
LISTE ATTESA BREVI, CONTINUA IMPEGNO iGreco OSPEDALI RIUNITI
RIABILITAZIONE CARDIOLOGICA, RIDUCE MORTALITÀ DEL 30%

COSENZA, venerdì 30 aprile 2021 – In quest’ultimo anno e mezzo si è registrato, da una parte, un incremento del 17% degli arresti cardiaci verificatisi sul territorio; dall’altra un crollo negli ingressi al pronto soccorso per dolore toracico intorno al 40-50%. Sono, numeri, questi, che fanno riflettere sugli effetti negativi che la pandemia ha avuto e continua ad avere sull’aspetto della prevenzione e dell’approccio alla cura.
A richiamare alla necessità di un’inversione di rotta è Franco Boncompagni, cardiologo nelle sedi operative La Madonnina e Madonna della Catena iGreco Ospedali Riuniti che in Calabria, anche attraverso la sede Operativa Sacro Cuore, garantiscono un’autentica rete di protezione per le patologie del cuore.
Il cardiopatico è vulnerabile e fragile rispetto alla resistenza al virus – aggiunge – ma non bisogna sottovalutare che le persone sane possono andare incontro a complicazioni cardiologiche indotte dal covid. Basti pensare alla sedentarietà determinata dall’isolamento che ha contribuito a far incrementare fattori di rischio importanti come il fumo, la scarsa attività fisica, l’aumento di peso. Per paura o perché sono state chiuse le liste d’attesa degli ambulatori c’è stato un ritardo notevole nei controlli di routine. Hanno fatto registrare in generale un crollo notevole anche le prestazioni cardiologiche per acuti. Nel caso di presunte coronopatie, le persone hanno dimostrato titubanza a recarsi in pronto soccorso, spesso ingolfati per paura di entrare in contatto con il virus. Sono stati tantissimi i casi di pazienti che vi si sono rivolti giorni dall’episodio. Con tutte le conseguenze del caso.
Alla sede operativa La Madonnina iGreco Ospedali Riuniti, convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale, per quanto riguarda il servizio di cardiologia, si sono continuate a dare risposte efficaci ed efficienti in misura rapida. I tempi di attesa per le prestazioni come l’eco-cardiogramma e l’eco- doppler non superano i 15 giorni; le prove da sforzo vengono fatte in una settimana.
Per Boncompagni l’attenzione deve essere posta anche sulla riabilitazione cardiologica, ambito che alla sede operativa La Madonna della Catena iGreco Ospedali Riuniti è stato potenziato sia attraverso il modello degenziale che ambulatoriale ma che richiederebbe una maggiore comunicazione nella filiera sanitaria.
Seguire percorsi di riabilitazione cardiologica – chiarisce – significa ridurre la morbosità, vale a dire, la ricaduta e la mortalità nel tempo. Tra chi fa riabilitazione post evento chirurgico e chi non la fa c’è una riduzione di mortalità del 25-30%. I candidati alla riabilitazione cardiologica sono, tra gli altri, i pazienti post-chirurgici, rivascolarizzati, dopo by-pass, dopo intervento valvolare, quelli con scompenso cardiaco. – (Fonte iGreco Ospedali Riuniti – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying)

 

CLINICHE MISASI E S.BARTOLO, VERSO RISTRUTTURAZIONE
iGRECO INCARICANO CAPITANO CARABINIERI ARICÒ
LEGALITÀ ED EFFICIENZA A GARANZIA POSTI LAVORO

Cosenza, mercoledì 28 aprile 2021 – Legalità, trasparenza, efficienza. Sono, queste, le direttive e gli obiettivi ai quali sarà vincolata la complessa azione di ristrutturazione dell’intera organizzazione aziendale delle cliniche San Bartolo e Misasi, le cui quote nei giorni scorsi sono state acquistate al 100% dal Gruppo iGreco.
A darne notizia è il management del Gruppo informando che, in aderenza a quelle priorità ed quegli obiettivi è stato da incarico al Capitano dei Carabinieri in congedo Gianfranco Aricò di guidare il pool di esperti e tecnici che sarà impegnato nella riorganizzazione e ristrutturazione delle risorse umane delle nuove importanti realtà imprenditoriali sanitarie acquisite e che si affiancheranno all’offerta sanitaria di qualità de iGreco Ospedali Riuniti.
La salvaguardia del maggior numero di posti di lavoro possibile, attraverso la prosecuzione della cassa integrazione e, in parallelo, l’individuazione ed azzeramento di eventuali opacità e criticità che hanno portato le cliniche Misasi e San Bartolo quasi alla chiusura totale – fa sapere il Capitano Aricò – è uno degli obiettivi fondamentali sui quali saremo impegnati sin da subito, nella consapevolezza – conclude – di potere e dovere ottimizzare e finalizzare, con grande ottimismo e con il prezioso contributo di tutti, ogni sforzo che sarà necessario mettere in campo. – (Fonte iGreco Ospedali Riuniti – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying)

 

SANITÀ, iGreco ACQUISISCE 100% CLINICHE GRUPPO MORRONE
SODDISFAZIONE E ORGOGLIO PER SCELTA ACQUISIZIONE

Cosenza, sabato 24 aprile 2021 – In data odierna abbiamo proceduto all’acquisizione del 100% delle quote societarie delle cliniche San Bartolo e Misasi del prestigioso Gruppo Morrone, oltre che dell’Hotel Parthenius a Cirella di Diamante.
A darne notizia, sottolineandone i motivi di soddisfazione e di orgoglio, è Giancarlo Greco presidente del Gruppo iGreco esprimendo ai soci gratitudine – aggiunge Greco – per averci preferito in questa importante acquisizione. (Fonte iGreco – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying)

 

MIGRAZIONE SANITARIA SI GOVERNA CON QUALITÀ
EVENTO CHIRURGIA ARTICOLARE, IGRECO PROTAGONISTI
IL MASINO 2017 AGLI ESPERTI CALABRESI A CONFRONTO

Cariati (Cs), lunedì 12 aprile 2021 – La migrazione sanitaria si governa con qualità
dell’offerta sanitaria e con il gioco di squadra tra la rete pubblica e quella convenzionata. Riuscire a garantire a tutti la possibilità di ricevere, nei propri territori e nella propria regione, le esatte cure di cui si necessita rappresenta oggi una delle sfide professionali, manageriali, sociali, etiche e culturali più importanti nella tutela del fondamentale diritto alla salute.
È quanto dichiara Giancarlo Greco, responsabile de iGreco Ospedali Riuniti condividendo a nome del Gruppo metodo, contenuti ed obiettivi dell’iniziativa promossa ieri (domenica 11) dalla SIAGASCOT (Società Italiana di artroscopie, ginocchio, arto superiore, sport, cartilagine e tecnologie ortopediche) e che ha messo insieme esperti da tutta la Calabria, per confrontarsi sul
tema Gli insuccessi nella chirurgia articolare: discussione di casi clinici.
Svoltosi in modalità telematica, coordinato dalla Società scientifica, l’incontro era aperto a specialisti ortopedici, fisiatri e fisioterapisti. L’obiettivo del webinar era quello di condividere le esperienze dei diversi centri regionali, focalizzando l’analisi sulle indicazioni, sugli insuccessi e sulle soluzioni terapeutiche adottate, per migliorare il risultato degli interventi e contribuire a far
crescere il livello di soddisfazione dell’utenza.
Insieme a Luca Maria Vena, delegato regionale SIAGASCOT, hanno portato sul tavolo della discussione e del confronto l’esperienza de iGreco Ospedali Riuniti, il resposanbile del reparto di ortopedia Massimo Misiti e Duilio Caruso, tra i chirurghi ortopedici dell’equipe medica della sede
operativa La Madonnina.
Il seminario interattivo è stato anticipato dalla presentazione dell’azienda di Cariati e dalla degustazione guidata di vino iGreco curata dal brand manager dell’Azienda, Tommaso Caporale.
Ad ognuno dei 12 medici partecipanti era stata inviata una bottiglia di Masino 2017, aperta in simultanea e versata in calici ad hoc per conoscere, avvertire e degustare questo vino ottenuto da uve 100% nero di Calabria, il più premiato dell’Azienda e l’unico ad aver ottenuto negli ultimi anni,
più volte, i Tre bicchieri Gambero Rosso.
Si tratta di un vino di grande autorevolezza – ha sottolineato Caporale – in cui la mano dell’enologo Riccardo Cotarella è fortemente individuabile nella sua fascinosità, nella sua morbidezza, nella sua piacevole bevibilità. Mai come in questo caso si svela Il Senso della Calabria enologica, grazie a questo uvaggio, il Calabrese, che racchiude al tempo stesso un’impronta di grande vino insieme alla sua umiltà. Mora selvatica, amarena, rosa canina, cannella, liquirizia con un avvolgente beva fanno del Masino un compagno ideale a carni arrosto, brasati, formaggi stagionati e piatti succulenti della domenica. – (Fonte iGreco – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin
Montesanto – Comunicazione & Lobbying)

 

GENITORI SI DIVENTA, È BOOM ISCRIZIONI
FORMAT RIUSCITO: IN 10 MESI QUASI 70 COPPIE
MAMMA-PAPÀ-BEBÈ,EDUCARE A PENSARSI TRIADE

Cosenza – lunedì 29 marzo 2021 – Genitori si diventa, educare la nuova famiglia a pensarsi triade, mamma-papà-neonato. Il percorso multidisciplinare di accompagnamento alla nascita e alla genitorialità promosso dall’equipe di professionisti de iGreco Ospedali Riuniti, funziona. Il format avviato nello scorso mese di giugno ha fatto registrare, edizione dopo edizione, numeri ed interesse crescenti. Sono quasi 70 le coppie che
hanno aderito al progetto. Il picco nella 7a edizione in corso: sono 17!
Ad esprimere soddisfazione per i risultati che premiano metodo e contenuti del percorso coordinato da Maria Cecilia Gioia, psicologa esperta in perinatalità e psicoterapeuta e dall’ostetrica Carla Zupo, tra le professionalità in forze al reparto di ostetricia e ginecologia della Sede Operativa Sacro Cuore, è Giancarlo Greco, responsabile de iGreco Ospedali Riuniti.
Voglia di tornare presto alla normalità, esigenza di condividere con gli altri la propria esperienza, bisogno di sentirsi rassicurati in un momento così difficile per tutti. Sono, questi, i sentimenti che continuano a fare da sfondo agli incontri che si susseguono settimana dopo settimana tra il team di professionisti e le future mamme e papà. Il fatto di partecipare on line – parola di genitori – non impedisce di entrare in empatia con gli esperti che sono oltre il monitor. Papà compresi, che sono sempre più attivi ed interattivi, curiosi e attenti alle esigenze del pre e post parto.
Quando le mamme si ascoltano (psicologa psicoterapeuta); perineo e respiro (ostetrica); movimento e rilassamento (ostetrica), diventare papà: questione di pancia? (psicologa- psicoterapeuta; genitori in contatto (ostetrica e Infermiera Pediatrica); il triangolo si.. l’avevamo considerato?! (psicologa psicoterapeuta), travaglio: come affrontarlo (ostetrica). Sono, questi, i temi che appuntamento dopo appuntamento vengono affrontati con l’equipe formata da psicologi, infermiere ed ostetriche, nel percorso incentrato su dialogo, confronto ed ascolto, nel corso degli incontri online che hanno una durata di circa due ore e che si terranno sulla piattaforma online Zoom. – (Fonte iGreco Ospedali Riuniti – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying)

MAMMA E PAPÀ,RUOLO ALLA PARI
GRAVIDANZA,PERCENTUALI BASSE TRASMISSIONE MADRE-BEBÈ
NASCITE,DA iGreco OSPEDALI CONFERMATO TREND POSITIVO

Cosenza, giovedì 25 marzo 2021 – Patologie ginecologiche, il virus non freni la prevenzione. Le donne in menopausa e pre-menopausa o che presentano sintomi anomali non devono trascurare l’importanza di sottoporsi a controllo. Gravidanza e parto al tempo del Covid, studi scientifici lo confermano: la trasmissione del virus tra madre e figlio è molto bassa. Si attesta sul 3%. Sono maggiori i vantaggi del parto, del contatto con il proprio bebè e l’allattamento al seno, rispetto al rischio dell’infezione.

A sottolineare la rilevanza di questi aspetti è Raffaele Misasi, direttore del dipartimento dell’area materno infantile dell’Unità Operativa del Sacro Cuore iGreco Ospedali Riuniti, che rispetto al trend registrato nel 2020 conferma i numeri delle nascite.

Se una donna è risultata positiva al Covid-19 – chiarisce – deve adottare le stesse misure precauzionali vigenti per qualsiasi altro soggetto. La modalità del parto non cambia. Se i sintomi sono importanti il discorso è diverso perché va tenuta in un ambiente protetto e le modalità del parto possono variare dal parto spontaneo a quello cesareo e anche l’allattamento può essere evitato.

Si ha qualche dubbio sulla vaccinazione anti-covid in gravidanza perché non si hanno dati a sufficienza che possano garantire la sicurezza e l’efficacia. Il discorso – prosegue Misasi – può essere leggermente a vantaggio della vaccinazione per quelle donne che presentano fattori di rischio di contrarre il virus: le donne n gravidanza con ipertensione, diabete, obesità o malattie dell’apparato endocrino e del sistema immunitario sono più facilmente aggredibili dal virus. In caso di presenza di questi fattori di rischio bisogna adottare delle precauzioni ancora più stringenti.

La prevenzione nella sede operativa del Sacro Cuore così come a La Madonnina e a Madonna della Catena, era e continua ad essere di prioritario interesse. Nessuno – ribadisce – entra senza essersi sottoposto a tampone ed aver ottenuto esito negativo. Teniamo al benessere della donna. La gestante non può essere accompagnata da un familiare nel momento del parto ma può incontrarlo subito dopo. Capiamo che c’è un’esigenza primaria che è quella del contatto e della prossimità con i propri affetti e per questo che tentiamo di sostituirci per quanto possibile con l’accoglienza e l’assistenza. Comprendiamo – aggiunge il Direttore – che i sentimenti di gioia si intrecciano con le preoccupazioni e con gli stati d’ansia che in questo particolare momento storico si fanno ancora più pesanti.

In questa fase – conclude – l’attenzione è tutta concentrata sul virus e si trascurano le altre patologie ginecologiche. I controlli di prevenzione su determinate fasce di popolazione come può essere la diagnosi di tumore al collo dell’utero vengono rimandati per paura del virus. Ed è sbagliatissmo. – (Fonte iGreco Ospedali Riuniti – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying)

MAMMA E PAPÀ,RUOLO ALLA PARI
GENITORI SI DIVENTA, DA SABATO 27 NUOVA EDIZIONE
PERCORSO ACCOMPAGNAMENTO CON PROFESSIONISTI iGreco

Cosenza – venerdì 19 marzo 2021 – In Genitori si diventa, il percorso multidisciplinare di accompagnamento alla nascita e alla genitorialità promosso dall’equipe di professionisti de iGreco Ospedali Riuniti, la figura ed il ruolo del papà non sono subordinati a quella della mamma. Per entrambi è attesa, preparazione e condivisione delle emozioni. Con questa consapevolezza questo importante momento della vita familiare può essere affrontato con maggiore serenità.
È quanto sottolineano Maria Cecilia Gioia, psicologa esperta in perinatalità e psicoterapeuta e l’ostetrica Carla Zupo, tra le professionalità in forze al reparto di ostetricia e ginecologia dell’Unità Operativa Sacro Cuore, pronte a partire con il resto dell’equipe con la settima edizione del percorso che prenderà il via sabato 27 marzo.
Nel giorno a loro dedicato – aggiungono – vogliamo esprimere un plauso per tutti i cosiddetti papà- placenta, padri facilitatori che assolvono al ruolo di protezione, filtro con il mondo esterno. Sarà il momento storico che stiamo vivendo, sarà il superamento dei tabù, ma il loro ruolo nella triade mamma-papà-neonato è sempre più partecipativo e collaborativo. Curiosi, attenti ai temi dell’allattamento, del sonno e dell’accudimento sono attivi in tutte le fasi del percorso della genitorialità.
Ci si può iscrivere entro giovedì 25 marzo scrivendo a percorsodiaccompagnamento@igrecospedali.it. Una volta inviata la mail di prenotazione le partecipanti riceveranno il modello di autorizzazione al consenso dei dati personali, da compilare e restituire firmato con le indicazioni sul pagamento.
Quando le mamme si ascoltano (psicologa psicoterapeuta); perineo e respiro (ostetrica); movimento e rilassamento (ostetrica), diventare papà: questione di pancia? (psicologa- psicoterapeuta; genitori in contatto (ostetrica e Infermiera Pediatrica); il triangolo si.. l’avevamo considerato?! (psicologa psicoterapeuta), travaglio: come affrontarlo (ostetrica). Sono, questi, i temi che saranno affrontati con l’equipe formata da psicologi, infermiere ed ostetriche, nel percorso incentrato su dialogo, confronto ed ascolto, nel corso degli appuntamenti che avranno una durata di circa due ore e che si terranno sulla piattaforma online Zoom. – (Fonte iGreco Ospedali Riuniti – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying)

GRAVI CEREBROLESIONI,COSENZA PUNTO DI RIFERIMENTO AL SUD

iGreco UNICA STRUTTURA IN PROVINCIA,TRA POCHE IN ITALIA

RISONANZA MAGNETICO-FUNZIONALE,AL VIA SPERIMENTAZIONE
Cosenza, Giovedì 11 marzo 2021 – Gravi cerebrolesioni acquisite, iGreco Ospedali Riuniti, unica struttura riabilitativa nella provincia di Cosenza, insieme ad un’altra sola struttura in Calabria e tra le pochissime distribuite in tutto lo Stivale, continua ad investire in innovazione: presto, sarà avviata a Madonna della Catena la sperimentazione della risonanza magnetico-funzionale, la stimolazione trans-cerebrale con risonanza magnetica.
Il Gruppo iGreco continua ad investire attenzione e sensibilità per offrire sempre maggiori strumenti ed opportunità diagnostiche, frenare la migrazione sanitaria e garantire una sanità di qualità per tutti.
Convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale, la struttura che conta 18 posti letto per riabilitazione delle gravi cerebrolesioni – sottolinea Francesca Guido, medico riabilitatore tra le eccellenze in forza alla struttura – è ad alta intensità di cura.
L’approccio della clinica che ha come direttore sanitario Claudio Trombetti – è multidisciplinare e l’obiettivo condiviso da più figure: far avvicinare il più possibile il paziente al recupero delle funzionalità e dell’autonomia in un percorso personalizzato che parte prima di tutto dall’adesione ad un progetto. Le persone ricoverate che provengono da una rianimazione o da una terapia intensiva ed i loro familiari – aggiunge Trombetti – devono essere informate di tutto. Il primo passo è proprio la comunicazione.
Dai traumi cranio-encefalici, dovuti per esempio ad incidenti stradali, ma anche domestici; agli accidenti cerebrovascolari acuti, come ictus emorragici e ischemie; passando dai danni post arresto cardiocircolatorio, fino agli eventi infettivi e intossicazioni. Sono, questi, i casi che si presentano alla clinica Madonna della Catena. Sono tutti esiti da danni cerebrali importanti che hanno determinato uno stato di coma più o meno prolungato, non inferiore alle 24 ore e menomazioni senso-motorie cognitivo comportamentali che hanno determinato una grave disabilità. Trattare la persona a 360 gradi con competenze specifiche, in questo percorso tutti, dal medico all’operatore socio-sanitario, dallo psicologo al fisiatra, hanno un ruolo fondamentale.
L’atto riabilitativo inizia quando inizia la malattia. Nel trattare le conseguenze della malattia la modalità deve essere multidisciplinare. – (Fonte iGreco Ospedali Riuniti – Comunicazione Strategica/Istituzionale Lenin Montesanto – Comunicazione & Lobbying)